IL MODO MIGLIORE PER ESSERE SEMPRE MOTIVATI

(la risposta che non ti aspetti)

Come tutti i grandi oratori ci raccontano, la capacità di rimanere motivati e concentrati rappresenta una delle prerogative fondamentali quando si tratta di raggiungere i propri obiettivi.

Questo ci porta a cercare sempre modi nuovi e diversi per ottimizzare la nostra produttività, spingendoci troppo spesso tra le braccia dei soliti “pseudo-guru” che vogliono venderci la formula magica per raggiungere il successo in 15 giorni, senza sforzo e rimanendo comodamente sdraiati sulla spiaggia.

L’idea generale diffusa fra gli amanti della crescita personale è quindi quella di lavorare solo su sé stessi, continuare per la propria strada lasciandosi “caricare” da quanti più contenuti motivazionali possibile, in modo da mantenere alto il livello di adrenalina e sentirsi pronti a spaccare il mondo.

Sembrerebbe il modo migliore, giusto? Sbagliato.

Non sto assolutamente dicendo che convincersi a dare il massimo sia una strategia sbagliata, tutt’altro! Le tue motivazioni devono sempre essere il carburante che ti condurrà verso la trasformazione che vuoi attuare ma, concentrandoti solo su te stesso, stai tralasciando un elemento fondamentale che, se non affrontato correttamente, continuerà a sabotarti nonostante tutti i tuoi buoni propositi: l’ambiente in cui vivi.

Questo articolo è abbastanza corposo, ma ti assicuro che arrivato alla fine avrai un’idea molto chiara su come comportarti in futuro, perciò mettiti comodo e leggi con attenzione.

Jim Rohn dice che siamo “la media delle 5 persone che frequentiamo di più” e in questa frase risiede un’assoluta verità.

Il sistema che abbiamo intorno, composto dalle relazioni sociali, dall’ambiente fisico in cui viviamo e da ciò che sentiamo ogni giorno al telegiornale o sul web, influenza il nostro insieme di valori e credenze.

Questo vuol dire che ciò che pensiamo deriva, molto probabilmente, da ciò che pensa qualcuno che ci è vicino ed è proprio per questo che dobbiamo prestare molta attenzione alle persone con cui passiamo la maggior parte del nostro tempo.

Con questo non voglio spingerti a vivere come un eremita e allontanarti da tutti i tuoi amici solo perché non la pensano come te, siamo animali sociali e diventare maledettamente scontrosi con il prossimo si allontana molto dalla crescita personale alla quale ambisci!

Per farti capire bene il concetto utilizzo due esempi:

Fingiamo per un attimo che tu sia un pentito fumatore che cerca in ogni modo di togliersi questo vizio. Ora fingiamo che passi il tuo tempo libero con cinque amici, simpaticissimi e divertentissimi, che fumano due pacchetti di sigarette al giorno.

Pensi di essere abbastanza forte da resistere alla tentazione? Pensi che basti guardare qualche video di persone che ripetono che se lo desiderate davvero ce la potete fare?

Lo spero vivamente per te!

Ma la verità è che, soprattutto se stai iniziando a smettere di fumare da pochi giorni, sarà davvero difficile per te rinunciare ad una sigaretta in compagnia. Non perché tu sia debole, non perché loro siano dei cattivi amici, ma solo perché l’ambiente che abbiamo intorno ci influenza molto più di quanto non lo faccia la nostra sola forza di volontà.

Ora facciamo finta che voi siate cresciuti in una famiglia di sportivi. Vostro padre va in palestra tre volte a settimana, vostra madre è un vero talento del tennis e perfino il vostro fratellino dopo la scuola si allena per due ore praticando il karate. Non so perché, ma qualcosa mi dice che non sareste il tipo di persona che passa tutto il suo tempo sul divano, mangiando dolci e chiedendo un passaggio in auto per andare dalla camera al bagno!

Esiste un processo, chiamato effetto Pigmalione che si verifica in contesti didattici nei rapporti fra insegnanti e bambini. Il succo di questo effetto è che se gli insegnanti credono che un bambino sia meno dotato lo tratteranno, anche inconsciamente, in modo diverso dagli altri. Il bambino si convincerà di essere inferiore e si comporterà di conseguenza, instaurando così un circolo vizioso che farà diventare il bambino proprio come l’insegnante lo aveva sempre immaginato.

Le persone che abbiamo intorno influenzano ciò che siamo da sempre, solo che fino ad ora, magari, non ci avevi fatto troppo caso.

Fino a qui tutto molto bello, abbiamo capito che non basta solo usare video motivazionali come fossero una dose di adrenalina da assumere giornalmente, ma nella pratica? Come faccio ad ottimizzare l’ambiente in cui vivo per usarlo a mio vantaggio?

Sicuramente, come già detto, l’obiettivo non è quello di diventare asociali e andare a vivere nei boschi sperando di conoscere qualche scoiattolo che sta puntando, come noi, al successo.

Il fatto di essere consapevoli di quanto possiamo essere “vulnerabili” alle idee degli altri ci mette in una situazione di vantaggio, perciò, se sei arrivato fin qui, ti faccio i miei complimenti e spero che da oggi farai tesoro di queste informazioni.

Un consiglio importante che mi sento di darti è quello di cercare tutte le occasioni possibili per fare networking. Se hai un interesse particolare è molto probabile che tu voglia passare il tuo tempo con persone che condividono la stessa passione. Eventi, corsi dal vivo, concerti e perfino manifestazioni di protesta contro un nemico comune possono rivelarsi occasioni per fare nuove conoscenze.

Mi sono reso realmente conto di quanto sia potenziante un ambiente positivo durante l’ultimo corso Smart Communication, tenuto a Milano. Raffaele ha chiesto ai partecipanti di affrontare una piccola prova che li avrebbe catapultati fuori dalla loro zona di confort: un esercizio di public speaking di qualche minuto. Quanto pensi avrebbe influito negativamente un pubblico troppo esigente sulle prestazioni dei partecipanti?

Aver condiviso insieme un momento così importante dal punto di vista emotivo ha creato un legame davvero particolare, tanto che ancora oggi quel gruppo è in contatto e si riuniscono tutti regolarmente! In che altro modo avrebbero potuto creare una cerchia di relazioni con persone appassionate di comunicazione e public speaking?

Un altro esempio di ottimizzazione dell’ambiente lo hai probabilmente in mano in questo momento: il tuo smartphone può trasformarsi in un “luogo” incredibilmente positivo, così come può rivelarsi il tuo peggior nemico se devi finire di preparare un esame o consegnare un progetto!

Se lo stai usando per leggere questo articolo, probabilmente sei in un momento della giornata in cui hai deciso di renderlo uno strumento di apprendimento e di crescita personale.

Quando devi studiare e continui a distrarti per le mille notifiche al minuto, però, sei esattamente nella situazione che può dimostrarti come, modificare l’ambiente, sia molto più profittevole rispetto ad affidarsi semplicemente alla tua forza di volontà.

Quanto ti costa, in termini di sforzo mentale, resistere alla tentazione ogni volta che lo schermo si illumina davanti ai tuoi occhi?

Quanto ti costa, invece, lasciare il telefono nell’altra stanza, attivare la modalità aereo o spegnerlo?

Lo so, so cosa stai pensando, sembra incredibile, ma ti assicuro che ha anche la funzione di spegnimento!

Se ciò a cui ambisci è diventare una persona estremamente generosa, perché continui a passare la maggior parte del tuo tempo con quel tizio che non darebbe nemmeno un bicchiere d’acqua ad un uomo disperso in mezzo al deserto?

Cerca chi, tra i tuoi conoscenti, ritieni possa essere un esempio positivo da seguire e assorbi tutti quei comportamenti che secondo te possono esserti utili.

E con gli amici che già possediamo? Che facciamo?

Se i tuoi amici sono davvero importanti per te, sono persone positive e ritieni che non ti influenzino negativamente, renderli partecipi del tuo cambiamento avrà sicuramente un effetto positivo su di te e su di loro!

Vuoi cominciare ad andare in palestra?

Prova a convincerli ad iscriversi con te, sarà sicuramente più semplice per entrambi.

Vuoi iniziare a svegliarvi presto la mattina?

Accordati con un tuo amico che vuole raggiungere lo stesso obiettivo, decidete di scrivervi appena siete svegli e fissate una penitenza per l’ultimo che si sveglia.

Non hai idea di quante pizze gratis ho guadagnato con questo metodo!

So che sei molto carico e motivato arrivato a questo punto ma, ormai lo sai, la motivazione da sola non basta, quindi ora vai e migliora al massimo l’ambiente in cui vivi, elimina le tentazioni negative e circondati di persone che scegli volontariamente di frequentare!

Fabrizio

Lascia un commento